Perdita tubazioni acquedotto
3 dicembre 2014
Perdite impianto antincendio
17 dicembre 2014

Perdite impianto riscaldamento

perizie_danni_acqua
user_2149_140
trovare_perdite_acqua_idriche
user_2149_75
user_2149_790
logo-slide
user_2149_331
ricerca_perdite_idriche
user_2149_712
user_2149_85
termografia_aerea_drone
videoispezione_subacquea
specialista_ricerca_perdite
controllo_dispersioni_termiche
videoispezioni_condotte
controllo_casa
risanamento_vecchi_impianti
bonifica_odore_incendio
asciugature_edili_bonifiche
controllo_impianti_elettrici
mappatura_impianti_acqua_tubazioni
ricercare_infiltrazione_giardino_guaina
collaudo_manti_impermeabili
collaudo_fognature_tubazioni
indagini_georadar_mappatura_impianti
ricerca_infiltrazioni_acqua_tetti
risanamento_tubazioni_acqua
bonifica_muffa_umidita
ricerca_perdite_piscina

La presenza di perdita acqua in un impianto di riscaldamento sia esso a pavimento, a termosifoni o con termoconvettori, si manifesta come un guasto quando si è costretti ad eseguire frequenti rabbocchi con reintegri della pressione dell’acqua nella caldaia. Può palesarsi anche con un blocco della caldaia perché la pressione nell’impianto si abbassa troppo (o addirittura si azzera) in breve tempo rendendo l’impianto di riscaldamento non funzionante.

Tuttavia, se prima della caldaia è stato installato un dispositivo di ricarica dell’acqua automatico non si noteranno segnali di allarme con il classico blocco dell’impianto: in questo caso il segnale visibile potrebbe essere una zona di bagnato sulle pareti dovuta proprio alla quantità d’acqua fuoriuscita, oppure nessun segnale di bagnatura ma a lungo andare la caldaia si riempie di calcare nello scambiatore e aumenterà il consumo di gas raggiungendo a fatica la temperatura preimpostata. È opportuno precisare che nel caso si manifestasse una macchia di bagnato sul muro, potrebbe non necessariamente comparire nelle vicinanze del punto di rottura del tubo (come nel caso di esempio riportato nella fotografia sottostante in cui la bagnatura visibile appena sopra il battiscopa interessava l’intero appartamento ma il buco nel tubo era circa a metà pavimento del soggiorno).

perdita_impianto_riscaldamento

E’ consigliabile eseguire alcune verifiche molto semplici prima di richiedere l’intervento di ricerca perdita:

  1. verificate se ci sono segni di bagnato anche piccoli o zone di umidità persistente sulle pareti di casa, nelle zone del battiscopa o sui soffitti.
  2. controllate le giunte tra gli elementi dei termosifoni aiutandovi con una carta assorbente, prestate particolare attenzione alla zona sotto il termosifone, alle valvoline di sfiato, alle valvole di chiusura e al detentore per ricercare anche la minima goccia d’acqua.
  3. sempre con carta assorbente, eseguite la stessa operazione sulla/e valvole di sfiato automatiche dell’aria, queste dovrebbero essere state istallate nei punti alti dell’impianto (tipo soffitte o sottotetti), oppure direttamente all’interno della caldaia o sul collettore (di solito inserito in cassette a muro).
  4. Una ulteriore verifica potrebbe essere quella di contattare l’assistenza tecnica della caldaia per fare controllare il vaso di espansione della caldaia, le valvole di sicurezza e i vari raccordi e guarnizioni della caldaia stessa se presentano gocciolamenti di acqua o hanno segni di calcare attorno a guarnizioni e filetti.

Se ancora non è stato trovato nessun segno di perdita con queste prime verifiche e la pressione continua a scendere allora la perdita potrebbe essere nelle tubazioni ed è giunto il momento di contattarci per ricercare la posizione della perdita ed evitare di eseguire demolizioni a casaccio.

Considerate infatti che un forellino della misura della punta di uno spillo può fare scendere la pressione dell’impianto di riscaldamento in poche ore e che questo tipo di perdita richiede specifiche modalità di rilevamento.

Non sottovalutate inoltre il fatto che se una caldaia continua a essere ricaricata di acqua per reintegrare una perdita dell’impianto, con il passare del tempo si accumulerà maggiore calcare sullo scambiatore della caldaia, diminuendone, in questo modo, l’efficienza e aumentandone i consumi di gas.

Nella maggior parte dei casi di perdita dell’impianto di riscaldamento, le tecniche di ricerca utilizzabili per l’acquedottistica possono non essere efficaci o sufficienti, ed è consigliabile utilizzare specifiche tecniche di ricerca strumentale.

L’operatore specializzato di CERCAPERDITE.COM utilizzerà tutte le verifiche necessarie compresa l’indagine con termocamera e riscontro con specifica indagine con gas tracciante, riuscendo a rilevare il percorso delle tubazioni e la presunta posizione di perdita.

Vi presentiamo, a tale proposito, un breve filmato eseguito da Diemme Arte Casa srl in video termografia: la tecnica permette la visualizzazione della mappatura di un impianto riscaldamento a pavimento e l’individuazione del punto esatto di perdita dell’impianto stesso.

 

Gli obiettivi della ricerca perdita negli impianti di riscaldamento, sono:

  • Localizzazione precisa dei punti di perdita.
  • Riduzione interventi di demolizione e minori disagi.
  • Valutazione di riparazione tubazione con prodotti autosigillanti.

L’individuazione del punto di perdita può essere un processo semplice o complicato, ad influire sulla sua difficoltà sono: le caratteristiche dell’impianto ed il contesto in cui è inserito e il volume della perdita, per questo quando presenterete la vostra richiesta di intervento, il ns. tecnico vi farà una serie di domande al fine di reperire maggiori informazioni possibili sulla struttura e fornirvi una corretta valutazione dell’intervento.

Un’altra particolare situazione nella ricerca perdita è la valutazione di possibile presenza di più tubazioni all’interno di cunicoli o cavedi in uscita dalla centrale termica, che possono attraversare ampi spazi o piazzali, come nel video di esempio sottoriportato.

 

Un aspetto che spesso viene sottovalutato è quello di evitare il congelamento delle tubazioni dell’acqua e dell’impianto di riscaldamento. Il modo più semplice è quello di impostare il termostato ambiente ad una temperatura minima di 5-7°C e di lasciare la caldaia accesa.

perdita_tubi  Nella situazione di perdita da tubazioni impianto riscaldamento le nostre verifiche permettono di valutare se è possibile e conveniente eseguire una riparazione con la sigillatura della perdita senza nessuna opera di demolizione e nessun lavoro di sostituzione tubazione, intervenendo con la tecnica che utilizza specifiche resine con microfibre per tubazioni impianti riscaldamento (limite di utilizzo 2500 litri/giorno di perdita).

Alcuni esempi di nostri lavori di ricerca perdite e infiltrazioni li trovi elencati con fotografie nella sezione I nostri interventi.

 

Chiamaci per una consulenza telefonica GRATUITA
da rete fissa Numero Verde 800.031986
Oppure chiama direttamente il numero telefonico 335.7756136 per
contatto diretto con un tecnico
INTERVENTI RAPIDI IN TUTTA ITALIA

Se desideri scriverci puoi farlo anche qui: info@diemmeartecasa.com