Flangiatura gas tracciante

Ricostruzione guaine
17 febbraio 2015
Infiltrazioni e ghiaccio sul tetto
21 febbraio 2015

Flangiatura gas tracciante

Il rilevamento di infiltrazioni acqua piovana su terrazzi in certe situazioni può essere eseguita anche utilizzando la tecnica di indagine con gas tracciante oltre alla tecnica di indagine elettronica delle infiltrazioni acqua su manti impermeabili che comunque rimane l'unica completamente non invasiva.

Sebbene l'impiego dell'indagine con gas tracciante originariamente fosse dedicata alle sole tubazioni, poi con l'inserimento di determinati accorgimenti ed adattamenti è stata praticata anche sulle guaine impermeabilizzanti.

L'utilizzo dell'indagine con gas tracciante per la ricerca delle perdite su guaina sotto pavimento di un terrazzo rispetto all'indagine elettronica, presenta la necessità di insuflare il gas sotto il livello delle guaine e questo la rende invasiva o minimamente invasiva se paragonata ad una completa demolizione delle pavimentazioni o ad una fase di ricerca condotta con le classiche demolizioni eseguite a casaccio.

Come già esposto nelle altre sezioni del sito, l'indagine con gas tracciante per controllo o collaudo di guaine impermeabili può essere eseguita con utilizzo di miscela a base di Idrogeno oppure di gas Elio.
Per l'utilizzo dell'indagine con gas tracciante in un impianto costituito da tubazioni, il tubo viene pressurizzato con il gas tracciante e con la sonda collegata allo sniffer elettronico dotato di spettrometro di massa, viene scansionata l'area in cui è presente il tubo, anche se la tubazione è posata sotto terra o sottotraccia a parete e pavimento. Per eseguire la ricerca di eventuali perdite della tubazione, basta insuflare il gas nella tubazione in un raccordo a vista, pertanto l'intervento in questa modalità non risulta assolutamente distruttivo.
Cosa ben diversa si presenta nel caso di dovere utilizzare la tecnica del gas tracciante per testare la tenuta di una guaina impermeabilizzante nel particolare caso di posizionamento sotto un pavimento o sotto un terreno,.

Nel caso di presenza terreno sopra la guaina, la situazione è abbastanza semplice perchè basta togliere la terra e mettere in vista una zona di guaina dove andrà poi applicata la flangia per insuflaggio del gas. In questo caso necessita la foratura della guaina per consentire al gas tracciante di passare sotto la guaina.
Mentre quando si esegue una ricerca di posizioni infiltrazione acqua piovana su un pavimento di un terrazzo, essendo che la condizione di prova è con il gas insuflato sotto la guaina le normali procedure richiedono una demolizione localizzata delle pavimentazioni che coprono la guaina in modo da mettere a vista una zona di guaina che va poi forata e dove andrà applicata la flangia di insuflaggio.
Ma noi di CERCAPERDITE.COM perseguendo il nostro intento della non invasività, in quei casi dove l'indagine trovi la sua migliore realizzazione con la tecnica del gas tracciante su guaina sotto pavimentazione, abbiamo messo a punto un esclusivo sistema di insuflaggio sotto guaina che non necessita di nessuna demolizione delle pavimentazioni..
infiltrazione_terrazzi_manutenzione
La particolare tecnica, prevede la realizzazione di un piccolo foro di pochi pochi millimetri di diametro, tra le fughe delle piastrelle del pavimento, riuscendo quindi ad essere minimamente invasiva ma permettendo di attraversare la piastrella, il massetto, l'eventuale stratigrafia con pannello termoisolante, il massetto copri guaina e naturalmente oltrepassare la guaina impermeabilizzante, poi tramite particolare flangiatura del foro si arriva a creare la sigillatura della flangia con la guaina con tenuta fino a qualche Bar di pressione, permettendo quindi di insuflare il gas solo nella zona sotto guaina e non nella zona della stratigrafia sopra la guaina, ottenendo quindi un corretto insuflaggio del gas e poterne rilevare le posizioni di fuga tramite sniffer e quindi individuare le cosiddette presunte posizioni di infiltrazione acqua piovana attraverso la guaina
ricerca_infiltrazioni_terrazzo
Grazie al foro nel pavimento con misura di circa i 14-15 mm. di diametro e tramite l'inserimento della particolare flangia, diventa possibile ancorarsi direttamente sulla guaina impermeabilizzante, arrivando ad operare fino ad una profondità di circa 17 cm. rispetto il piano di calpestio.

Portando con l'utilizzo di questo esclusivo metodo ed il paragone con le normali applicazioni di flagiatura su guaina che necessitano di demolizioni delle piastrelle e l'asporto del massetto in un'area di circa 40/50 cm.x 40/50 cm. si può ben valutare l'enorme miglioria che CERCAPERDITE.COM ha portato dal punto di vista dell'invasività per questo tipo di indagine.

Chiamaci per una consulenza telefonica GRATUITA

Interventi rapidi in tutta Italia