Prevenire i tubi ghiacciati

Videoispezione tubazioni
26 settembre 2015
Ispezione con fumogeno
24 ottobre 2015

Prevenire i tubi ghiacciati

perizie_danni_acqua
user_2149_140
trovare_perdite_acqua_idriche
user_2149_75
user_2149_790
logo-slide
user_2149_331
ricerca_perdite_idriche
user_2149_712
user_2149_85
termografia_aerea_drone
videoispezione_subacquea
specialista_ricerca_perdite
controllo_dispersioni_termiche
videoispezioni_condotte
controllo_casa
risanamento_vecchi_impianti
bonifica_odore_incendio
asciugature_edili_bonifiche
controllo_impianti_elettrici
mappatura_impianti_acqua_tubazioni
ricercare_infiltrazione_giardino_guaina
collaudo_manti_impermeabili
collaudo_fognature_tubazioni
indagini_georadar_mappatura_impianti
ricerca_infiltrazioni_acqua_tetti
risanamento_tubazioni_acqua
bonifica_muffa_umidita
ricerca_perdite_piscina

Un aspetto che spesso viene sottovalutato è quando le temperature invernali scendono di parecchio e in caso di assenza da casa per un lungo periodo, come ad esempio nelle case vacanza questo potrebbe mettere a rischio di rottura tubazioni o danneggiamento caldaia.

Nel caso di un Condominio al mare o in montagna, molti pensano che l’avere altri appartamenti confinanti possa proteggere le tubazioni dal gelo, o peggio ancora nel caso di una casa singola si arriva a spegnere l’impianto di riscaldamento per risparmiare.

Il freddo e quindi il gelo causa il blocco delle tubazioni e ne potrebbe conseguire la rottura a causa del ghiaccio, ma la sorpresa peggiore arriva poi quando si rialza la temperatura, si scioglie il ghiaccio e l’allagamento arriva di sorpresa assieme al disgelo, causando un enorme danno d’acqua alla propria casa e anche a quelle dei vicini nel caso si tratti di un Condominio, in quanto l’acqua libera dal ghiaccio scorre nelle tubazioni uscendo dalla rottura e allagando l’immobile per giorni o settimane prima che qualcune se ne accorga.

Quindi conviene sempre impostare l’impianto di riscaldamento al mantenimento di una temperatura minima in casa di circa 5-7°C anche in caso di assenza, è sufficiente lasciare la caldaia accesa e impostare il termostato ambiente con una temperatura minima di 5-7°C ma non conviene che l’impianto rimanga spento.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di installare un dispositivo con accensione del riscaldamento tramite SMS oppure di ricevere un avviso SMS in caso di temperature prossime allo zero in casa e potersi quindi attivare di conseguenza… una volta c’era il vicino a cui si lasciavano le chiavi di casa.

Quando si utilizzano automatismi a distanza o si è programmato di rimanere assenti dall’abitazione per diversi mesi, sarebbe buona regola predisporre un avviso SMS o di allarme telefonico in caso di assenza energia elettrica, nel caso in cui saltasse il salvavita del quadro elettrico per qualsiasi motivo. Nelle circostanze di gran freddo, la mancanza di energia elettrica, potrebbe generare importanti danni all’impianto dell’acqua e dell’impianto di riscaldamento a causa del gelo.

Ma esiste anche un’altra soluzione per chi non vuole correre mai rischi… svuotare tutti i tubi che contengono acqua… basta un pò di tempo ed un compressore d’aria.